Il saggio sottopone a revisione critica la tesi tradizionale che esclude, in caso di donazioni indirette, la possibilità di una tutela reale della legittima. Il fondamento di tale critica è la inammissibilità di una differenziazione di tutela legata a un dato essenzialmente strutturale quale il modello negoziale. L’esame della disciplina a tutela della legittima consente di scorgere l’esistenza di una pluralità di rimedi a difesa degli interessi coinvolti. Il giusto rimedio non può che essere ricercato attraverso un corretto bilanciamento di tali interessi, anche sul piano della circolazione dei beni e della tutela dell’affidamento.

Azione di restituzione, liberalità indirette e circolazione dei beni

2021

Abstract

Il saggio sottopone a revisione critica la tesi tradizionale che esclude, in caso di donazioni indirette, la possibilità di una tutela reale della legittima. Il fondamento di tale critica è la inammissibilità di una differenziazione di tutela legata a un dato essenzialmente strutturale quale il modello negoziale. L’esame della disciplina a tutela della legittima consente di scorgere l’esistenza di una pluralità di rimedi a difesa degli interessi coinvolti. Il giusto rimedio non può che essere ricercato attraverso un corretto bilanciamento di tali interessi, anche sul piano della circolazione dei beni e della tutela dell’affidamento.
Legittima Donazioni indirette tutela reale
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12572/436
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact