In the last fifty years the constitutional history of Morocco have been characterized by a fluctuating trend – torn between tradition and modernity, authoritarianism and liberalism, developmental change and political continuity – in which the (cultural, social and political) factor of Islam has been playing a crucial role. All this is even more evident in some constitutional provisions regulating religious matters, which is the principal subject of this essay. In particular, the Author emphasizes some principles and norms that determine the freedom of religion of the 2011 Moroccan Constitution, which was approved in the complicated context of the so-called Arab Spring.

La storia costituzionale del Regno del Marocco è stata da sempre caratterizzata da una tendenza che oscilla fra modernità e tradizione, continuità e cambiamento, autoritarismo e liberalismo, in cui la “variabile” (culturale, sociale e politica) islamica ha giocato un ruolo di assoluta primaria importanza. Ciò è ancora più evidente nella disciplina statale del fenomeno religioso, dove la suddetta caratteristica emerge con tratti peculiari, che trovano modo di essere codificati in alcune importanti disposizioni della nuova Costituzione del 2011, oggetto del presente lavoro. In particolare, l’Autore pone l’accento sui principi e sulle norme che, nel difficile contesto della c.d. Primavera araba, hanno definito il diritto di libertà religiosa, delimitandone l’ambito del giuridicamente (e costituzionalmente) concepibile.

La libertà religiosa nella nuova Costituzione del Marocco

ALICINO, FRANCESCO
2013

Abstract

La storia costituzionale del Regno del Marocco è stata da sempre caratterizzata da una tendenza che oscilla fra modernità e tradizione, continuità e cambiamento, autoritarismo e liberalismo, in cui la “variabile” (culturale, sociale e politica) islamica ha giocato un ruolo di assoluta primaria importanza. Ciò è ancora più evidente nella disciplina statale del fenomeno religioso, dove la suddetta caratteristica emerge con tratti peculiari, che trovano modo di essere codificati in alcune importanti disposizioni della nuova Costituzione del 2011, oggetto del presente lavoro. In particolare, l’Autore pone l’accento sui principi e sulle norme che, nel difficile contesto della c.d. Primavera araba, hanno definito il diritto di libertà religiosa, delimitandone l’ambito del giuridicamente (e costituzionalmente) concepibile.
In the last fifty years the constitutional history of Morocco have been characterized by a fluctuating trend – torn between tradition and modernity, authoritarianism and liberalism, developmental change and political continuity – in which the (cultural, social and political) factor of Islam has been playing a crucial role. All this is even more evident in some constitutional provisions regulating religious matters, which is the principal subject of this essay. In particular, the Author emphasizes some principles and norms that determine the freedom of religion of the 2011 Moroccan Constitution, which was approved in the complicated context of the so-called Arab Spring.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12572/621
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact