La possibilità per il contribuente di emendare la dichiarazione allegando errori, di fatto o di diritto, commessi nella sua redazione e incidenti sull’obbligazione tributaria, è esercitabile, non solo nei limiti in cui la legge prevede il diritto al rimborso, ex art. 38, d.P.R. n. 602/1973, ma anche in sede contenziosa per opporsi alla maggiore pretesa tributaria dell’Amministrazione finanziaria. La logica sottesa è quella della parità delle armi tra contribuente e Amministrazione finanziaria, in nome dei principi di effettività dell’imposizione, di uguaglianza, del diritto di difesa e delle regole di buon andamento e di imparzialità dell’azione ammi- nistrativa.

IN TEMA DI EMENDABILITA' DELLA DICHIARAZIONE NEL PROCESSO. NUOVE APERTURE DELLA GIURISPRUDENZA DI LEGITTIMITA'

RICCI, CONCETTA
2019

Abstract

La possibilità per il contribuente di emendare la dichiarazione allegando errori, di fatto o di diritto, commessi nella sua redazione e incidenti sull’obbligazione tributaria, è esercitabile, non solo nei limiti in cui la legge prevede il diritto al rimborso, ex art. 38, d.P.R. n. 602/1973, ma anche in sede contenziosa per opporsi alla maggiore pretesa tributaria dell’Amministrazione finanziaria. La logica sottesa è quella della parità delle armi tra contribuente e Amministrazione finanziaria, in nome dei principi di effettività dell’imposizione, di uguaglianza, del diritto di difesa e delle regole di buon andamento e di imparzialità dell’azione ammi- nistrativa.
dichiarazione; rettifica; rimborso
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12572/1101
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact